Come fare un redirect 301 su WordPress

Come fare i redirect 301 su WordPress senza modificare il file htaccess

Oggi parleremo di come effettuare un redirect 301 senza nessuna modifica in codice all’interno del nostro sito web realizzato con il CMS più diffuso al mondo, cioè WordPress.

Cos’è un redirect 301

Un redirect 301 è la migrazione di una url (vecchio indirizzo web) presso una nuova url modificata (nuovo indirizzo web).
Tale tipologia di migrazione, è denominata, migrazione permanente.
L’esempio tipico è il cambiamento di una url o indirizzo web. L’indirizzo web è un nome che si da a una pagina web come ad esempio il nome dominio del nostro sito web che è una url. Ma se il nome dominio non può essere sottoposto a modifica, perché viene acquistato per come desideriamo averlo, differente è il discorso per le pagine interne del nostro sito web. Infatti le pagine interne di un sito web presentano un simbolo “/” dopo il nome dominio e successivamente il nome pagina, come in questo esempio riportato:
www.nomedominio.it/nome-della-pagina/
La prima sezione cioè www.nomedominio.it è il nome del nostro dominio, che acquistiamo presso un provider di servizi, mentre la seconda parte è la url associata che rappresenta una singola pagina web del nostro sito.
Quando per qualsiasi motivo (ottimizzazioni SEO, cambio scopo della pagina, ecc..), cambiamo questo url, trasformandolo ad esempio da www.nomedominio.it/nome-della-pagina/ a www.nomedominio.it/nome-della-pagina-2/ , su Google si creerà un errore 404, il famosissimo “page not found”

Perché si genera il page not found 404?

Il page not found è una pagina non trovata del nostro sito web perché il suo collegamento o indirizzo è non corretto oppure ha subito modifiche. Vi starete chiedendo: ma Google non cambia la pagina (l’url) modificata automaticamente?
La risposta è ni. Significa che Google periodicamente verifica il nostro sito web ed effettua una sorta di controllo, attraverso uno spider, del nostro sito web, indicizza pagine e contenuti e poi li mostra nelle SERP (nel motore di ricerca). Quando modifichiamo una URL abbiamo il dovere di dire a Google che quel collegamento è stato cambiato definitivamente e per compiere tale operazione ci avvaliamo di un utilissimo plug in che consiglio a tutti voi di installare sul vostro backend di WordPress.
Il plugin in questione si chiama Redirection .
Scaricatelo e installatelo sul vostro pannello di WordPress come mostrato nel seguente video tutorial:
 

 

CONCLUSIONI

Se non comunichiamo a Google che i nostri indirizzi web sono stati modificati, restituiamo agli utenti che ci cercano (e che poi ci trovano sul web) gli errori 404, perché lo spider di Google non passa ogni minuto per indicizzare e revisionare i nostri siti web. Inoltre quando lo spider di Google passa, dopo aver modificato la nostra url interna, indicizzerà il nuovo indirizzo ma non considererà il cambiamento fatto da noi a meno che non saremmo noi a dirglielo.
Il risultato di questo errore sarà penalizzante per il vostro sito web, in primis perché stiamo togliendo agli utenti che ci leggono la possibilità di entrare dentro il nostro sito web e inoltre stiamo creando una cattiva reputazione del sito web, sia agli occhi dell’utente (fatto gravissimo quando parliamo di web marketing), sia agli occhi di Google, che non darà mai il prestigio e la visibilità che meritano i nostri siti web.
Prestiamo dunque molta attenzione a questi generi di errori, che potrebbero compromettere il vostro progetto web.